ESB1 | Le Cose Mai Dette

Il primo Experiencing Sound Book riguarda l’elaborazione del tema della Separazione e/o Abbandono.
Quando nella nostra relazione di Coppia scopriamo che la ragione collante è prevalentemente la paura di rimanere da Soli, questo innesca meccanismi pretenziosi e distorti che portano, dopo i primi tempi, a rimanere “incastrati” nonostante non si manifesti più condivisione o sintonia. Una volta liberi da questa memoria vincolante, la scelta di rimanere insieme si fa spontanea o più leggera l’idea della Separazione.

IMG_1030-small

LE COSE MAI DETTE

Una Preghiera per lasciare andare una Relazione, e Trasformarla in Amore.

21 Pensieri
21 Ragioni
21 Gratitudini
2 Persone
1 Anima

Rif: ESB1
Formato: 10×14 cm  |  16 pagine  |  2019
Costo: Offerta libera da € 7 (spese di spedizione in Europa incluse)

 


Come ordinarLO

  1. Clicca il pulsante giallo sottostante Paypal Donate e fornisci i dati necessari:
  2. Specifica la CIFRA che scegli di offrire in cambio;
  3. Specifica il TITOLO del libro o il codice di riferimento (Rif);
  4. Scrivi l’INDIRIZZO dove vuoi riceverlo: spunta la casella condividi il tuo indirizzo di posta (e se usi una carta anziché il conto Paypal, usa il campo Indirizzo di fatturazione per metterci quello di spedizione).
  • Puoi scegliere di pagare tramite accout Paypal oppure le carte sotto elencate.
  • Il libretto non è accompagnato da ricevuta fiscale in quanto non è un libro registrato ISBN, quindi non dare indirizzo di fatturazione ma solo di spedizione.
  • I tempi di spedizione sono quelli tramite servizio postale ordinario.






 

Experiencing Sound è una pratica di ascolto consapevole.

Un Experiencing Sound Book è uno strumento utile per Coloro che si dedicano al lavoro più pesante in assoluto: quello di alleggerirsi.

Ogni Scritto aiuta l’incoscio a lasciar emergere il sentire profondo, per alleggerirTi da memorie energetiche che producono sofferenza.

Scopri gli altri titoli disponibili…

 

 

The creation of Adam   by J-P Metsavainio

Evidenze della tecnologia sui concetti della Spiritualità e medicina “alternativa”

In un TED tenuto da un giovane respirariano indiano, mi colpì la sua frase che

«la fede di oggi sarà la scienza di domani»

a dimostrazione che la rassicurazione ufficiale condivisa alle masse che la Terra fosse rotonda arrivò solo grazie alla scoperta dei telescopi da parte di Cartesio, nonostante da secoli ci fosse già l’evidenza storica – da parte delle culture più antiche orientali e non (a noi più prossime geograficamente spiccano quelle degli antichi Egizi e dei filosofi Greci) – che la Terra fosse parte di un sistema basato sulle proporzioni matematiche dell’Armonia (vedi Pitagora, Ermete Trismegisto, Platone, i calendari Maya, conoscenza Cinese, ecc.).
Di fronte all’evidenza tecnologica, anche le miopi rigide convinzioni religiose dell’epoca (sul sangue di molti difese) dovettero cambiare punto di vista, permettendo alla Storia umana di evolversi secondo la propria fede interiore.

Nel mio percorso personale di Conoscenza, partito con diffidenza dettata dal mio background culturale scentifico occidentale, la cosa che maggiormente mi ha riempito di meraviglia è stato verificare l’esistenza concreta di tanti dei concetti (chackra, bio-energie, risonanza, ecc)  su cui si basano le cosiddette discipline alternative (termine secondo me fuori luogo, in quanto semmai è, al contrario, l’allopatia ad essere comparsa cronologicamente dopo alle conoscenze tradizionali orientali e/o sciamaniche e, dunque, a rigor di logica, dovrebbe essere quest’ultima ad essere definita “alternativa” allo stato pre-esistente).

Son giunta alla percezione che la medicina allopatica contemporanea (che, per come la conosciamo uffialmente oggi, ha appena meno di 100 anni contro quelle orientali che si tramandano da millenni) sia oggi vissuta come nuova religione. Per fortuna che la tecnologia è, invece, al servizio di chi se la può permettere e, dunque, trasversale.

Voglio perciò raccogliere alcuni articoli che riportano evidenza tecnica da parte di istituzioni autorevoli sulle tematiche da me sperimentate riguardo ai concetti noti alle filosofie antiche, che ad oggi sono ancora accolte con diffidenza a causa di diffusa ignoranza spesso figlia di rigide convinzioni settoriali. Per fortuna che anche in Italia finalmente si stanno ottenendo risultati di apertura grazie a musicoterapeuti che stanno avvicinandosi alla suonoterapia e poi proponendola, tramite sperimentazione protocollare, in ambienti ufficiali.

 

Cover image: The creation of Adam  |  Copyright of J-P Metsavainio, finnish astrophotographer


 

L’Inconscio Collettivo è una realtà

Questo interessante progetto chiamato The Global Consciousness Project – Meaningful Correlations in Random Datas dura da oltre un ventennio, ed è svolto dall’Engineering Anomalies Research Lab (PEAR) dell’Università di Princeton, in USA. La ricerca si basa sull’analisi di rilevazione di dati 1/0 random (prodotti a caso) per vedere se la presenza di “eventi emozionali” (cioè prodotti dalla coscienza umana) di grandi proporzioni – come ad esempio i Mondiali di Calcio ma anche meeting religiosi di grandi proporzioni – potessero influenzare l’output di questi dati.
Questo è, in summa, la conclusione che pubblicano ad oggi gli scienziati:

«Lo stato di coerenza nella coscienza crea ordine nel mondo. Interazioni sottili ci legano gli uni con gli altri, e con la Terra.

Quando la coscienza umana diventa coerente, il comportamento dei sistemi casuali potrebbe cambiare. Generatori di numeri casuali (RNG) basati su quantum tunneling  producono sequenze completamente imprevedibili di zero e uno, ma quando un evento grandioso sincronizza i sentimenti di milioni di persone, la nostra rete di RNG diventa sottilmente strutturata. Calcoliamo che l’effetto sia dovuto al caso solo una volta su un trilione di possibilità. L’evidenza suggerisce una noosfera emergente o il campo unificato della coscienza descritto da saggi in tutte le culture.»

E allora direi che Jung batte Freud 1 a 0.


 

EVIDENZA DELLA BIO-ENERGIE: CHAKRA, MERIDIANI, E AURA DEL CAMPO ENERGETICO UMANO

Ho potuto speriementare personalmente questo strumento che rileva i campi magnetici dell’essere umano, solitamente chiamati Aura.

campo energetico umano

Il Bio-well è uno scanner che si basa sull’analisi delle emissioni elettro-fotoniche rilevate dai polpastrelli delle mani, e incrocia i dati con un database di migliaia di casi statistici rilevati in oltre 15 anni. Il risultato è la rappresentazione grafica dei livelli energetici del Campo elettrico umano (Human Light System, oggetto di studio del russo Dr. Konstantin G. Korotkov) suddivisa in sistemi di rappresentazione già consolidati ed accettati dalla scienza occidentale, ovvero quelli della Medicina Tradizionale Cinese. Basandosi sui principi medici di meridiani e chackra, il Bio-Well fornisce anche un’analisi energetica di ogni singolo organo, mostrando la rappresentazione rilevata rispetto a quella ottimale statistica, mostrando i livelli energetici, lo stress e la vitalità sia degli organi che della persona generale.

Chi non ha avuto esperienza di sperimentare su di sé la percezione delle bio-energie e/o nutre fede nella tecnologia piuttosto che nell’intuito coscienziale, ha la possibilità di verificare come i valori del campo elettromagnetico umano cambino prima e dopo un trattamento di armonizzazione.

Chakras prima e dopo suonoterapia

La mia condizione rilevata ad aprile 2015, dopo un lungo periodo particolarmente carico di molto stress: stato energetico dei Chakras prima e dopo una veloce suonoterpia armonica di test (circa 10″).

 

Ad esempio, per gli scettici riguardo alle medicine vibrazionali (come l’Omeopatia) le quali si basano sul concetto che una vibrazione armonica, per legge di Risonanza, ne riallinei un’altra ripristinandone la frequenza ordinata, questo può essere un valido punto di partenza per avanzare delle riflessioni di ricerca.

* * * * *

Un’altra testimonianza risale al 2004 ed è uno studio effettuato dall’istituto californiano HealthCMi (Healthcare Medicine Institute of Acupunture) di cui riporto un’estratto dell’articolo da loro pubblicato:

«I ricercatori annotano che la dimensione di un punto di agopuntura”può essere stimata dal diametro di aggregazioni microvascolari (…)” Hanno anche osservato che altre ricerche hanno trovato strutture uniche di punti di agopuntura e meridiani di agopuntura mediante MRI (risonanza magnetica), imaging a raggi infrarossi, fotografia LCD termica, ultrasuoni e altri metodi di imaging CT. I ricercatori hanno osservato che molti studi che utilizzano questi approcci tecnologici hanno già dimostrato che esistono punti di agopuntura. Essi rilevano che “l’alta luminosità, ad ampio spettro, ad alta collimazione, la polarizzazione e la struttura ad impulsi di radiazione di sincrotrone” ne facilitano la scoperta. Essi hanno concluso: “I nostri risultati hanno dimostrato ancora una volta l’esistenza di punti di agopuntura, e mostrano anche che i punti terapeutici sono punti speciali presenti nei mammiferi”»

Questo evidenzia la conoscenza antica su cui si basano sia la Medicina Tradizionale Cinese (meridiani) che quella Ayurveda Indiana (nadi) e, a seguire, tutte le discipline vibrazionali che sul riequilibrio di queste energie lavorano.

Salva

Salva

Salva

ricerca scentifica e frequenze armoniche

Evidenze della ricerca scientifica sulle frequenze armoniche

 

 

Oscillano come le corde di un violino, le proteine che regolano i processi alla base della nostra vita producendo una sinfonia. Le vibrazioni come il “suono di una campana” persistono nelle molecole e permettono funzioni essenziali alla vita. Fenomeni osservati per la prima volta in dettaglio dai ricercatori dell’Università di Buffalo (New York).

Ecco i punti salienti tradotti in italiano, tratti dal comunicato originale dell’Università di Buffalo:

BUFFALO, N.Y. — Come le corde di un violino o le canne di un organo, le proteine nel corpo umano vibrano secondo diversi schemi; (…) gli scienziati dell’Università di Buffalo e l’Istituto di Ricerca Medica Hauptman-Woodward (HWI) hanno osservato per la prima volta in dettaglio le vibrazioni (…) che in realtà persistono nelle molecole come il “suono di una campana”, dice Andrea Markelz, PhD, che ha condotto lo studio. (…)
Questi microscopici movimenti consentono alle proteine di cambiare forma velocemente in modo che possano riparare le cellule e duplicare il DNA, (…) i processi basilari delle cellule che rendono possibile la Vita.
(…)
Analogamente a come succede a un flute che trema e va in frantumi quando un cantante coglie esattamente la nota giusta (…) similarmente, le proteine con diverse strutture assorbono e vibrano in risposta alla luce di differenti frequenze. (…) I ricercatori hanno anche potuto osservare che le vibrazioni perdurano nel tempo, come da tempo teorizzato.
“Se colpisci una campana, questa suona per un lasso di tempo, e con un suono specifico propria di quella campana. Ciò spiega come si comportano le proteine” (…) “Il sistema delle cellule è semplicemente meraviglioso”, dice la ricercatrice. “Puoi immaginare la cellula come una piccola macchina che fa molte cose differenti: ha percezioni, crea oltre sé stessa, legge e duplica DNA, e per permettere che ognuna di queste cose accada, le proteine debbono vibrare e interagire le une con le altre.”

Credit: Andrea Markelz and Katherine Niessen  |  Gennaio 2014


 

Le emozioni e il DNA

“Le ricerche del dottor Bruce Lipton, che si svolgono nell’ambito della medicina epigenetica, e quelle di uno staff di ricercatori dell’Istituto di Matematica di Boulder Creek, in California, guidati dal dottor Rollin McCraty, hanno evidenziato che 《nella molecola del DNA possono prodursi cambiamenti misurabili se essa viene sottoposta all’influenza di desideri, intenzioni ed emozioni.》
Il dottor Bruce Lipton, docente della Scuola di Medicina presso l’Università di Stranfird, esperto di DNA, ha scritto il best seller The Biology of Belief (La Biologia delle credenze).”

Pranoterapia e Prano-pratica di G. Laguzzi  |  Ed. Mediterranee  |  pag 78


 

SCIENZA E OLISMO SI INCONTRANO NELL’EPIGENETICA

Anche in Italia emergono gli studi del dottor Mario Biavia, ricercatore in ambito oncologico attraverso la medicina epigenetica. I risultati delle sue ricerche dimostrano che le cellule sono entità riprogrammabili e testimoniano finalmente un’approccio olistico e vibrazionale alla salute dell’essere umano.

Questo breve video di 27 minuti L’universo è un sogno Biava e Laszlo del 2014 spiega con linguaggio semplice i principi base della medicina epigenetica che dichiara che anche per la scenza il suono è un’informazione capace di ordinare la materia.

Il prossimo step di cui, dunque, attendiamo la scienza prenda atto è che le emozioni sono vibrazioni e il cerchio si chiudebbe a motivare le continue oscillazioni dello stato (spico)fisico tra “malattia” e benessere che le discipline olistiche trattano da millenni attraverso svariati metodi ma tutti con lo stesso principio base di muovere le emozioni (energia) bloccate per promuovere fluidità di energia che è vita per l’organismo.

«Il ruolo centrale dell’acqua che rappresenta il 70% del peso di un essere umano e, in generale, le molecole d’acqua rappresentano più del 90% di tutte le molecole che compongono il nostro organismo. Ciascuna molecola d’acqua ha un lato carico positivamente e uno negativamente (…) negli organismo viventi sembra che l’orientamento di queste molecole non sia casuale: un ordine che permette non solo di avere proprietà chimico/fisiche differenti ma di diventare un supporto per l’informazione che coordina i processi biochimici del corpo (…) in modo tale da contenere e trasmettere l’informazione elettromagnetiche necessari ai processi vitali.

È sulla base di questi principi che Biava pensa che le future terapie saranno “terapie informazionali”, ossia terapie grazie alle quali potremo fornire all’organismo semplicemente le informazioni necessarie a ristabilimento della sua coerenza interna. (…) Questo nuovo paradigma della medicina punta quindi a mantenere lo stato di salute delle persone, ossia lo stato di coerenza dentro ciascuno di noi, e di relazione a ciò che ci circonda.»

Dal video “L’universo è un sogno Biava e Laszlo”  |  Andrea Pensotti e Piermario Biava


 

Il suono ordina la materia… vedilo!

Quando l’Operatore effettua un trattamento con frequenze armoniche, guidato dall’intenzione, va a direzionare il suono nelle parti del corpo bisognose di riarmonizzarsi. Riequilibrare la frequenza armonica “perduta” consiste, per legge di risonanza (vedi fisica del suono), nel permettere alle cellule del corpo di tornare a vibrare secondo l’armonia infusa dal suono della campana/diapason.

Ecco visivamente ciò che può succedere all’interno delle nostre parti liquide durante un trattamento con frequenze armoniche.

Video from the paper Shape oscillation of a levitated drop in an acoustic field, by W. Ran & S. Fredericks (Clemson University, Department of Mechanical Engineering).

 

La geometria è parte delle leggi della Natura.
In questo altro video è possibile meravigliarsi di quanti pattern geometrici il suono sia in grado di creare!

Moltissime altre interessanti dimostrazioni della potenza creativa del suono armonico si possono trovare sul web… ne raccolgo solo alcune col fine di aiutare ad orientarti ad apprezzare il trattamento di Massaggio Sonoro Armonico che mi conquistò e che ora desidero diffondere.

In quest’altro articolo, invece, raccolgo estratti di opinioni di professionisti e specialisti vari sugli effetti della suonoterapia.

Altri video legati alla scenograficità dei pattern geometrici creati dal suono:

by Nigel Stanford
‘Cymatics’ is the science of visualizing audio frequencies. All of the experiments are real.

 

Il suono è Vita.
A dimostrazione che la Vita – in termini biologici – sia influenzata dal suono, c’è il video tratto da una mostra alla Science Gallery di Dublino: Nurit Bar-Shai è un’artista Israeli-Americana il cui lavoro interseca arte, scienza e tecnologia.
Il suo progetto artistico fa seguito alle ricerche del suo professore a Tel Aviv che studia la comunicatione sistemica di batteri in network complessi. Nella sua istallazione artistica, Nurit ha sperimentato e reso visibile l’effetto del suono su questi batteri, usando differenti tipi di lunghezze d’onda, come basse e alte frequenze e diverse forme d’onda sonora. Il risultato è visivamente tangibile in tempo reale sulle colture batteriche esposte, che hanno reagito con modalità di crescita differenti a seconda del suono che le ha influenzate.

Video SOUND TO SHAPE at OSCILLATOR , from the exhibition at Science Gallery, Trinity College Dublin, Ireland, 07.02.13–14.04.13

sound waves on body

Approfondimenti sulla suonoterapia e salute

Alcuni estratti trovati sul web o in libri, per raccogliere pensieri di professionisti e specialisti di vario genere, riguardo la suonoterapia e/o utilizzo delle frequenze armoniche sul corpo umano e i loro effetti sullo stato di salute psico-fisica.
Questo articolo è in continuo work-in-progress. Puoi anche vedere come il suono ordini la materia, letteralmente.

 

Quello che ho potuto rilevare, attraverso una osservazione diretta con un centinaio di soggetti in cinque anni di attività, è che una stimolazione vibrazionale prodotta sul corpo, produce sul piano psichico la tendenza a fare emergere vissuti e stati psichici presenti sotto il livello di coscienza, quasi come uno strumento di risonanza in grado di agire da specchio e da catalizzatore con l’effetto di consentire un avvicinamento ed una presa di contatto delle nostre emozioni profonde.
(…)
Va inoltre ricordato che i suoni, investendo la globalità psicosomatica, producono nell’individuo molteplici risposte neurofisiologiche e neuropsicologiche oggi non ancora studiate scientificamente in modo approfondito. È auspicabile che studi futuri mettano al centro della loro attenzione il suono/vibrazione come strumento per favorire una medicina meno invasiva oltre a favorire metodiche preventive fondate sulla musicoterapia e sulla suonoterapia con i quali preservare e potenziare lo stato di salute.
(…)
Il compito dell’Operatore in questo particolare approccio di musicoterapia, la suonoterapia vibrazionale, richiede una serie di competenze specifiche sul piano tecnico e su quello umano, che lo rendono capace di aiutare una persona ad integrare, in senso evolutivo, l’esperienza di contatto con il proprio sé psicosomatico. (…) Vista anche la delicatezza e la profondità dei vissuti che questa tecnica può evocare, potrebbe essere indicato, un trattamento multidisciplinare combinato in cui figure e competenze diverse fra cui Medico, Fisioterapista, Psicoterapeuta, Musicoterapeuta concorrono insieme al miglioramento ed alla evoluzione psicosomatica dell’individuo bloccato in una sintomatologia fisica e/o psichica, che non gli consente di esprimere e scoprire la totalità della propria esistenza.

Il suono come messaggio armonico dell’universo | Giorgio Grungo


 

I suoni possono agire su tessuti non uditivi con meccanismi di vario tipo che coinvolgono da un lato le proprietà fisiche delle onde acustiche e in particolare la loro coerenza, dall’altro le proprietà biofisiche di molti tessuti: piezoelettricità, semiconduttività, carattere dipolare dell’acqua e di molte macromolecole organiche, DNA compreso.

Suoni e Vibrazioni sull’uomo. Rischio – Beneficio  |  Bistolfi Franco , ed. Omicron (2004)

Prof. Franco Bistolfi (Primario Emerito di Radioterapia oncologica, Libero Docente in Radiologia e Radiobiologia) attento ricercatore dei fenomeni di risposta biologica al suono e alla vibrazione.


 

Che il suono armonico regali rilassamento e, di conseguenza buon sonno e migliori livelli di energia è cosa nota, ma vorrei raccogliere testimonianze anche sul suo potere terapeutico, soprattutto grazie a chi sta dedicandocisi da anni, con sempre più riscontri positivi.

Questo è Intervento del M˚ Albert Rabentein presso l’ASOI1° Congreso Internacional de Oncologia Integrativa CEMIC 2011


 

Suonoterapia e protocolli medici

Chiara Benvenuti, anch’essa allieva di Albert Rabenstein, si laura in Infermieristica con lode nel 2015, presentando la tesi L’effetto del suono nel trattamento chemioterapico: studio caso – controllo in oncologia Valdera.
Effettua uno studio dal 2013 al 2015 su 80 pazienti (di cui 40 ricevono il trattamento chemioterapico abbinato a musicoterapia e 40 no) e rilevando le impressioni tramite questionario alla fine della seduta chemioterapica.

Riporto alcuni estratti della tesi originale, concessa in pubblicazione ad Armonie Sonore (sito distributore delle campane armoniche Tibet che utilizzo, prodotte da A. Rabenstein).

(…) l’intervento di un musicoterapeuta, il suono delle campane all’interno di un reparto come l’oncologia, secondo me è un modo per distogliere la persona dai brutti pensieri e di far vivere il momento della terapia con meno ansia e angoscia. (…) L’obiettivo della ricerca, infatti, è quello di valutare gli effetti della  musicoterapia nella possibile riduzione dell’ansia, stress, compliance ed effetti collaterali legati alla chemio.
(…)
Proprio nel momento di sofferenza, in cui la persona necessita di accedere a nuove possibilità, le strutture musicali possono spalancare l’accesso a nuove immagini sopite alla coscienza, ma presenti, una risorsa capace di fluire al momento opportuno.
(…)
nella suonoterapia i suoni vengono utilizzati in quanto tali, come frequenze capaci di entrare in risonanza con la persona nella sua totalità fisica, psichica e spirituale, modificandola. In particolare i suoni – frequenze emessi dalle campane tibetane armoniche, non casuali, ma basati su precise proporzioni armoniche, mandano alle cellule del corpo dei segnali di riarmonizzazione, aiutandole a ritrovare la loro giusta frequenza originaria e favorendo così un benefico processo di risintonizzazione.
(…)
Esistono campane di tanti tipi, ma non tutte sono adatte per il massaggio sonoro armonico; il loro suono può favorire la meditazione o il rilassamento, ma se devono essere utilizzate per scopi terapeutici devono poter produrre armonia, condizione necessaria per trovare vero benessere. Le campane che utilizzo sono prodotte artigianalmente a mano da Albert Rabenstein che dal 1987 studia e investiga il potere terapeutico del suono e il suo uso come strumento di trasformazione personale e vengono testate e perfezionate fino ad ottenere una
perfetta vibrazione armonica.
(…)

tesi chiara grafico

Esempio di dati rilevati con questionario alla fine del trattamento chemioterapico.

La suonoterapia ha avuto un potere notevole nella riduzione dell’ansia, dello stress, della paura, della nausea, del dolore. Infatti come abbiamo potuto notare, con la musicoterapia c’è stata una risposta migliore al farmaco, alla malattia, da parte del paziente. (…) La musicoterapia, invece, connessa alla qualità della vita, gioca un ruolo minore nello studio: la maggior parte dei pazienti hanno avuto l’occasione solo una volta di poter provare l’effetto del suono. Perché il suono entri in empatia con la persona, quest’ultima dovrebbe sottoporsi a più sedute di musicoterapia.
(…)
Ai pazienti va’ il grazie più grande. Parlando con ognuno di loro ho capito quanto è bella la vita e che è importante godercela fino in fondo: la bellezza di fare  l’infermiera è anche questa, emozionarsi e lasciare un pezzo di cuore in ognuno di loro.

Nel 2009 – quando ancora non sapevo nulla di terapie olistiche – accompagnavo mio padre a fare la chemio, e fu per me l’inizio di molte domande. Oggi mi piace pensare che se allora, in ambiente ospedaliero, lui avesse incontrato la possibilità della suonoterapia, la sua percezione del personale stato di salute si sarebbe evoluta diversamente.
A Chiara e a tutti i miei colleghi che, essendo musicoterapeuti diplomati possono praticare negli ambienti sanitari, va la mia sentitissima stima e un grazie di cuore per diffondere soprattuto in ambiti uffiali la preziosa disciplina della suonoterapia.


 

EPIGENETICA

Alcuni estratti dal video che spiega i principi dell’epigenetica:

Questo concetto di concerto armonico, associato alla vita e la salute, in contrapposizione ad uno stato disarmonico di malattia, è stato recentemente dimostrato da un’esperimento del professor Carlo Ventura dell’Università di Bologna che è riuscito a registrare il suono delle cellule: un cellula sana e una cellula malata. La differenza è notevole. Concetti che sembravano solo filosofici si sono dimostrati reali.
Da più di 50 anni lavora su questi stessi concetti il professor Ervin Laszlo, filosofo della scienza (teorico dei sistemi) e padre dell’Olismo: (…) «Il mondo non è un aggregato meccanico di parti separate e separabili ma un’unità organica, una gerarchia in cui il tutto si annida nel tutto. (…) L’informazione è presente nel nostro corpo e se noi potessimo avere accesso a questa informazione e ad usarla, potremmo ristabilire uno stato di coerenza nel sistema. Queste sono le basi di una nuova medicina complementare.»

Dal video “L’universo è un sogno Biava e Laszlo”  |  Andrea Pensotti e Piermario Biava


 

 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Non seguire mai nessuno

(…)

Mia madre mi insegnava: «Non seguire mai nessuno. Quando segui qualcuno, vedi soltanto la sua schiena. E lui ti sbarra la vista». Perciò ti dico: «Non seguire un guru! Non seguire uno sciamano! Non seguire me!» Mia madre diceva: «Non seguire nessuno, ma cammina al suo fianco». Perciò invito le persone che vengono da me ad accompagnarmi sulla mia strada. E io accompagno loro. Così possiamo sostenerci a vicenda, se dovessimo inciampare o ci prendesse la stanchezza.
Quando camminiamo fianco a fianco, possiamo guardarci in faccia. Quando camminiamo uno dietro l’altro, la persona che cammina dietro di me riceve tutto quello che mi lascio dietro. Non va bene. Perciò: non seguire mai nessuno! Vai CON qualcuno! Camminate insieme sulla vostra strada! Essere insieme sulla strada significa anche trasformarsi a vicenda. Tu impari da me, io imparo da te. Ognuno di noi cambierà. Ma non diventeremo mai ciò che l’altro è.

(…)

Sciogliete il ghiaccio nei vostri cuori (2010)
di Angaangaq   |   Ed. Verdechiaro

Cambiamento

Quando si ha la percezione di non far più parte di un gruppo di appartenenza si è già a metà strada per entrare a far parte di un altro. La prima cosa di cui bisogna avere cura è quella di non avere timore del cambiamento: la natura ci insegna che la trasformazione è cosa naturale e necessaria per evolversi e ciò che al bruco sembra la fine del mondo è in realtà la metamorfosi per rinascere in farfalla. Lasciata alle spalle la paura, si fa quindi spazio al nuovo che arriva: un nuovo gruppo sta avvicinandosi per accoglierti con gioia, se sai risuonare con esso guardando verso al futuro.

 

Beehond, 2015

Sii creatore della tua Realtà

(…)

Le cose sono possibili e tutto è connesso a livello energetico. Nulla, e ripeto Nulla, è a se stante. Quindi qualsiasi azione tu faccia questa è intrecciata nel tempo e nello spazio con il resto della tua esistenza e con quella degli altri. Lo riesci a vedere il Disegno Universale? Quando ti diciamo che i tuoi pensieri creano la tua Realtà è proprio letteralmente ciò che succede. Quando tu hai creduto questo fosse possibile, così è stato finché tu lo hai creduto.
Come si impara a credere? Esercizio. Null’altro.

La forza d’animo che ti porti dentro è ciò che devi imparare a padroneggiare. E lì che si sconfigge il dubbio. La forza d’animo e quella potenza creatrice che solamente credendoci profondamente può essere ed avere luogo. Quando qualcosa è inerente alla tua Realtà essa fa parte integrante della forza d’animo. Se questa si intreccia con la tua energia questa è anche influenzabile è modificabile. Con il tuo pensiero di desiderio tu puoi modificare la tua forza d’animo e quindi modificare la Realtà che ti circonda. Riflettici su. Anzi più che altro esercitati a sentirlo. Il desiderio è una forza innata che ti cresce dentro. Nulla è desiderabile su comando. Esso è un’energia spontanea che nasce e cresce a seconda della purezza dell’anima che lo genera. È infatti tipico dei bambini che sanno desiderare in maniera pura. Quando un desiderio nasce in un’anima pura questo cresce con una potenza solida e feconda. Se il desiderio è macchiato dall’Ego questo sarà verso un energia pesante, che genera vizi e cupidigia. Anche questo modifica la Realtà ma ovviamente verso altre destinazioni.

(…)

Beehond, 2014

La rinascita è trasformazione

(…)

Ogni rinascita comporta l’abbandono della forma precedente. Non devi vederlo solo dal punto di vista della perdita. In Natura la trasformazione è naturale ed ovvia ed è propedeutica all’evoluzione. Tu sei parte della Natura e per questo sarai sempre in continua evoluzione e trasformazione. Sappilo.

(…)

Beehond, 2013